Home » news, work in progress

Ricostruzione con i comitati

29 October 2009 2,336 Views 2 Comments

_MG_8331

Nello staff di Chiodi architetti di fama mondiale e il Collettivo99.

Articolo di Lilli Mandara per “Il Messaggero” del 16 ottobre 2009:

Questione di giorni, pochissimi assicurano dal suo staff. Lunedì, forse martedì: il tempo di mettere a punto gli ultimi dettagli, di articolare compiti e funzioni, di individuare numeri e tempi. Il presidente della Regione Gianni Chiodi risponde così al tentativo della Protezione civile di metterlo fuori dalla ricostruzione dell’Aquila, risponde con la firma sul primo atto da commissario delegato. Un decreto di nomina e di insediamento della struttura tecnica di missione, quella che lo affiancherà nell’opera di ricostruzione del centro storico dell’Aquila. Presto, fate presto ha detto ieri il presidente ai dirigenti che lavorano al decreto, perchè bisogna bruciare sui tempi la nuova ordinanza della Protezione civile che comunque uscirà riveduta e corretta la prossima settimana, secondo le assicurazioni fornite da Berlusconi e Letta mercoledì scorso. Ma Chiodi lavora anche alla composizione della struttura: nomi di fama mondiale vuole il presidente, alcuni dei quali avrebbero già dato la disponibilità a lavorare gratuitamente. Saranno affiancati dai ragazzi del Collettivo 99, giovani tecnici aquilani che conoscono il territorio a menadito, già contattati dal Cnr per conto di Chiodi: operazione di grande prestigio e di forte impatto popolare, che mira a coinvolgere la città partendo proprio dai comitati più impegnati sul territorio. Aspetti sui quali i politici-aquilani vigilano e controllano: primo fra tutti il vicepresidente Giorgio De Matteis, «nella struttura ci saranno persone di alto livello e professionalità, la Regione farà una scelta di grande prestigio». «L’ordinanza della Protezione civile va azzerata e riscritta di sana pianta», concorda la presidente della Provincia Stefania Pezzopane. «L’ho ricevuta venerdì scorso alle sei di sera, e come me tutte le istituzioni come la Regione e il sindaco dell’Aquila. E’ arrivata con una lettera di accompagnamento del vice della Protezione civile De Bernardinis che specificava che era solo una bozza e che andava approfondita in un incontro con gli enti locali. Sabato mattina ho chiamato al telefono Guido Bertolaso al quale ho fatto presente tutte le mie perplessità. Lui mi ha assicurato che l’ordinanza sarebbe stata cambiata. Io dico che va azzerata». Perplessità che cominciano dall’esclusione degli enti locali e finiscono con la confusione dei ruoli: «Il fatto è che la governance così come è stata scritta non va bene per niente: la struttura che dovrà programmare la ricostruzione dovrà essere composta da Regione, Comune e Provincia ma non ha senso inserire anche le altre Province. Dovranno poi essere definiti i compiti di ciascun ente e soprattutto dovranno essere loro attribuiti poteri straordinari come quelli della Protezione civile». Ma era stato anche il parlamentare dell’Idv Augusto Di Stanislao a sollevare il problema alla Camera con una mozione il 5 ottobre scorso. Di Stanislao ha denunciato il rischio di «una ricostruzione poco trasparente e insufficiente, gestita dal governo in modo autonomo ed eccessivamente centralizzato, attraverso lo strumento principale delle ordinanze». Spiega Di Stanislao: «Si è scelto di non seguire l’esempio del terremoto di Umbria e Marche del ‘97 che ha rappresentato indiscutibilmente un modello positivo nella gestione e che fin dall’inizio, nelle scelte per la ricostruzione, aveva visto sia il parlamento che le istituzioni locali interessate a svolgere un ruolo primario, con un modello di governance che ha dato risultati importanti». A questo punto si volta pagina: dopo lo stop di Chiodi e della stessa Pezzopane, l’ordinanza finirà nel cestino. La ricostruzione torna in mano agli abruzzesi.

2 Comments »

  • VALERIA said:

    bene, per fortuna una scelta bipartisan giusta!

  • MariaHa said:

    Cara Lilli,

    dopo aver letto

    ( perche il link porta al s i t o del “Messaggero” e non alla pagina
    specifica ? )

    l’articolo

    “Ricostruzione con i comitati” ( ? ), ma non lo so …

    riporto dallo stesso, citandone i seguenti due passaggi, sinteticamente cio che di piu mi interessa:

    “operazione di grande prestigio e di forte impatto popolare, che mira a coinvolgere la città partendo proprio dai comitati più impegnati sul territorio”

    “A questo punto si volta pagina: dopo lo stop di Chiodi e della stessa Pezzopane, l’ordinanza finirà nel cestino. La ricostruzione torna in mano agli abruzzesi.”

    Posso chiedere all’autore dell’articolo, a distanza di ormai due mesi,
    o a chi altro legge il “comment” per caso o meno:

    ” A che punto siamo oggi ?”

    Per chi, come me, ha la casa ‘B’ in un ‘aggregato’ ampio ( piu di 1000mq
    il tutto )e costituendo, come anche diversi altri ‘aggregati’ circostanti, oggetto di particolare interesse storico, … senz’altro, ma non ancora pubblicamente dichiarato tale, … comunque, non situato in citta, ma in un centro minore del comune …

    allora, … di quale o quante ordinanze mi devo
    interessare, e quando ?

    non perche ho fretta, ma per saperlo appena
    possibile … in modo che posso dirlo a chi forse non lo sa …

    Comunque, per non deviare troppo, conludo:

    … se non sbaglio, siete voi, il collettivo99.org , il comitato più impegnato sul territorio per quanto riguarda la particolare e difficile ( vedi estratti catastali e quanti nomi escono per un aggregato come il mio, … e vissuto da pochi o pochissimi ) questione dei ‘centri storici minori’. Almeno lo spero e vi auguro buon lavoro.

    Gradisco risposta diretta a: gomorrathinkpink@gmail.com

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.