Home » l'uomo e la città

LA NECESSITA’ E LA SCELTA

26 June 2009 3,818 Views 2 Comments

41

Foto di Antonio Di Cecco

LA NECESSITA’ E LA SCELTA: ALLOCAZIONI SCRITERIATE E STRATEGIE DI SHOCK ECONOMY DIETRO IL PROGETTO C.A.S.E. (.pdf)
Di Antonello Ciccozzi (docente di antropologia culturale presso l’Università degli Studi dell’Aquila)

Abstract: il progetto C.A.S.E. per i terremotati aquilani si configura sempre di più come un’operazione orientata in base agli stilemi della shock economy; esso rappresenta una soluzione finalizzata, prima che all’aiuto delle popolazioni terremotate, al profitto di grandi aziende affiliate al Governo, che non  tiene conto della varietà degli habitat culturali in cui si vuole calare, e che non basterà a togliere tutti gli sfollati dalle tendopoli. Pare necessaria una revisione parziale di tale progetto e una pronta messa a disposizione di moderni containers al fine di emancipare gli sfollati dal giogo delle tende.

La varietà degli habitat culturali dell’aquilano si manifesta nella preponderanza della differenziazione tra i luoghi urbani e i luoghi rurali. Per chiarire il discorso che qui si propone, questa compresenza può essere schematizzata descrivendo nostro Comune come un territorio, per così dire, a “due colori”: zone “verdi” (i contesti rurali) affiancano un centro “blu” (la città e la sua estensione periferica, che grossomodo forma una linea prossima all’asta fluviale dell’Aterno, tra i due bastioni montuosi che cingono la valle, sfumando tra Preturo e Bazzano). Spesso non si tratta di demarcazioni nette, e vi sono luoghi in cui si assiste a una mescolanza più o meno contrastiva di questi elementi (ad esempio la zona tra Bazzano e Paganica, in cui, a qualche chilometro dalla città, il nucleo industriale occupa un territorio dove permane una consistente vocazione agricola, oppure verso Sassa, al limite Ovest dell’espansione urbana), altre volte la connotazione rurale dei luoghi appare più netta (come a Roio Piano o a Camarda). Il punto, per quanto ci riguarda, è però che tali peculiarità non possono essere in nessun modo omesse da qualsiasi progetto di pianificazione territoriale che contempli la necessità di preservare la qualità della vita; ignorare questi aspetti è viceversa indice di orientamenti votati unicamente al perseguimento di interessi economici, a discapito del valore della qualità della vita.
Come ho scritto non appena i particolari ne furono rivelati2, il problema principale del progetto C.A.S.E. – che il governo Berlusconi, grazie l’avallo di Bertolaso, ha indicato alla Protezione Civile e successivamente calato sul comune dell’Aquila – è il seguente: la tipologia abitativa che, nella forma dell’offerta di aiuto, lo Stato cerca di imporre alla cittadinanza, in troppi casi non tiene conto della differenza di habitat culturali presente nel nostro comune. Questa si manifesta, appunto, lungo un continuum urbano/rurale caratterizzato da una serie di punti di soglia: discontinuità identitarie in cui i paesi esperiscono il sé collettivo in termini di pronunciata ruralità, e la città manifesta, ovviamente, una vocazione all’identità urbana. In parole semplici: qui come altrove la città è città e il paese è paese. Questo significa varietà, preservare la varietà è un valore in quanto essa è antitodo contro l’isotropia; un luogo che presenta una varietà interna armoniosa è un luogo dove si può scegliere, e la scelta è la premessa per la libertà.
Perciò non può passare in sordina che il progetto C.A.S.E. porterà – in molti tra i venti siti scelti per l’allocazione – una tipologia abitativa condominiale in contesti rurali; in luoghi dove, da anni, abbiamo scoperto che è così importante che nei piccoli borghi si curi l’essenza del luogo che i vincoli paesaggistici impongono una tipologia consona anche per i coppi dei tetti. Nel Parco Nazionale, dove anche le tegole devono essere di un certo tipo, si semineranno condomini, case di città. Non è un problema di essenza ma di posizionamento, non di forma abitativa ma di allocazione, non di elemento ma di relazione: è come mettere un divano in cucina o una lavastoviglie in salotto. È una scelta, in molti tra in venti siti individuati nel Comune, totalmente scriteriata. L’onere di preservare il luogo – di certo un obiettivo difficile dopo la tragedia che ci ha colpito – è l’onere di preservare la qualità della vita; la necessità portata dal disastro limita il campo di scelte, ma non può diventare un pretesto per legittimare qualsiasi scelta.

case

Va ricordato che la scelta che si sta attualmente perseguendo – quella di una new town a connotati urbani disintegrata entro contesti spesso rurali, la 2) nel disegno esplicativo – è esito di una opposizione plebiscitaria dei poteri locali alla proposta governativa di costruire una new town unitaria e omogenea, schematizzata dal modello 1). Quella che non è stata invece perseguita è una strategia allocativa – probabilmente la più razionale – basata su criteri di prossimità e su una differenziazione architettonica tra edilizia urbana e rurale, schematizzata dal disegno 3). In molti sospettano che, più che la qualità della vita dei cittadini, si sia scelto di difendere il prestigio economico dei terreni contigui alla periferia urbana, più che il valore della tutela identitaria si sia pensato a interessi delle lobbies locali3. Lo Stato ha imposto al Comune una tipologia abitativa unitaria, e il Comune ha ottenuto come contropartita la possibilità di tutelare dal borseggio degli espropri alcuni terreni? Così si vocifera, e non sarebbe la prima volta che in Italia si manifestano tali gradi di priorità nelle scelte pubbliche. I poteri locali ormai dichiarano paternalisticamente: “lo sappiamo che è un obbrobrio, ma ce lo hanno imposto, meglio di così non si poteva fare”. Siamo sicuri?

Forse è troppo tardi per ripensare in profondità a questa decisione che – nel sensazionalismo dei primi giorni di emergenza – è stata propinata alla nostra città grazie alla fretta di cui si serve la shock economy per imporsi ai luoghi. Forse no, c’è ancora spazio per la volontà: non tentare sarebbe una colpevole mancanza; specialmente nell’idea che si potrebbe non rigettare tutto il progetto, ma proporre, per alcuni siti, una revisione dei criteri di allocazione di questi edifici. Nei territori più “verdi”, dove queste case minacciano di stuprare il carattere del luogo – e, nel contempo, di costringere gli abitanti della città alla deportazione rurale – c’è bisogno urgente di sollecitare un ripensamento, una richiesta di negoziazione nella possibilità di rivedere le localizzazioni in cui maggiormente si manifesta l’inadeguatezza di artefatti urbani in situazioni profondamente ancora rurali. Allo stesso modo, per i paesi meno “verdi”, si potrebbe chiedere allo Stato una progettazione architettonica di questi condomini che sia più consona alle peculiarità dei luoghi staccati dalla cinta della periferia urbana.
Questo nella consapevolezza che ormai una parte consistente della popolazione (chi viveva in edifici con inagibilità strutturali) dovrà attendere molti anni prima di rientrare in casa propria: i circa 13000 posti letto previsti dal progetto C.A.S.E. spetteranno probabilmente a loro: probabilmente queste case in parte sono una necessità, ma andrebbero posizionate e pensate meglio, nella consapevolezza che non saranno affatto sufficienti a soddisfare tutte le richieste. Pertanto, contestualmente, per gli altri forse 20-30000 sfollati che avranno la possibilità di beneficiare di tempi di rientro più brevi (da pochi mesi a uno o due anni?) sarebbe il caso di pensare, seriamente e in tempi brevi, all’utilizzo di containers. Il governo si è servito probabilmente di un preconcetto diffuso a livello di immaginario collettivo nazionale: i containers sono invivibili. Certamente trent’anni fa quelli del terremoto dell’Irpinia – a cui implicitamente ci riferiamo per evocare timore, disagio, sofferenza – lo furono,  quelli del terremoto di Marche e Umbria pare non siano stati così male. Mentre oggi i containers (che si chiamano “moduli abitativi temporanei”), quelli di buona qualità, pare siano ben altra cosa, eccellenti nell’isolamento climatico, capaci di un confort accettabile per tempi lungi di certo infinitamente meglio delle tende. Però probabilmente i containers – conferendo più autonomia agli utenti – sarebbero stati meno adatti al fine di mettere sotto sequestro la popolazione e propinare alla città ferita ettari e ettari di cementificazione, appaltati quasi esclusivamente a ditte esterne.
Nelle tendopoli l’aiuto – sincero, onesto e innegabile di buona parte del sistema della Protezione Civile – si (con)fonde con sentori di colpo di Stato locale; la mano tesa a dare mimetizza la mano che prende. Qui la popolazione viene tenuta inebetita dalla necessità, viene privata di potere di scelta, addomesticata a qualsiasi ricatto politico, le masse degli sfollati sono costrette nell’inganno di promesse che sottendono molto probabilmente strategie più orientate al perseguimento di profitto economico che all’obiettivo dell’aiuto delle popolazioni terremotate. Le tendopoli spesso si rivelano come degli “altrove interni”, dei “non-luoghi” di concentramento dove la gente è resa dipendente da un sistema di sostentamento che esclude la città dalla riproduzione economica del tessuto sociale: se ci avessero dato i containers avremmo seguitato a fare la spesa nei posti di sempre, a mantenere una certa autonomia, così ci siamo ritrovati ostaggio del sistema degli aiuti. Con il passare dei giorni il “non vi mettiamo nei containers, vi diamo direttamente le case” si inizia a rivelare nel dubbio dell’inganno, nei termini di un “vi teniamo in tenda così possiamo fiaccarvi, mantenere un sistema di sostentamento centralizzato che costa 3 milioni di euro al giorno, propinarvi tonnellate di cemento che daranno profitto e lavoro a aziende a noi affiliate”. Ecco l’ambivalenza tra aiuto e sciacallaggio, ecco la strada per praticare strategie di shock economy: le grandi catastrofi sono eventi che sgretolano il tessuto sociale dei luoghi che colpiscono, questo costituisce per il capitalismo di conquista una ghiotta occasione. Nei terremoti, come nelle guerre c’è chi conta morti e danni e chi programma opportunità, in tali situazioni grandi investimenti sono proponibili e propinabili con estrema facilità in quanto – semplicemente – la necessità opprime la possibilità di scelta, e l’aiuto può diventare una strategia di profitto.

2 Comments »

  • paolo perotti said:

    Un’analisi quantomai appropriata e centrata.Sono architetto e, con la mia collega nonchè moglie Gabriella Nadalin, faccio parte di un’associazione di volontari di Protezione Civile di Torino che stà tuttora fornendo servizio di assistenza e preparazione pasti a San Giacomo (quartiere de L’Aquila).Voglio esprimervi piena solidarietà con la vostra iniziativa, che però, concordando pienamente con l’analisi appena letta, richiederà molta molta determinazione ponendosi, come sembra, sul piano della qualità, in rotta di collisione con i poteri forti che palesemente si stanno muovendo sul vostro territorio.Quel poco che ho visto “sbandierato” in TV posso solo definirlo deplorevole; condomini iperstandardizzati assolutamente privi di qualsiasi ricerca, non diciamo architettonica, ma quantomeno di minimo rapporto con il contesto!Concordo anche con il discorso dei “vituperati” containers; in merito, com architetto, faccio solo presente che negli ultimi 20 anni sono stati fatti una quantità veramente ragguardevole di concorsi sul tema della casa d’emergenza, con conseguenti migliaia di progetti di notevole qualità sia tecnica che formale; cito solo, uno per tutti, il concorso “LIVINGBOX”, visibile sul sito Edilportale. Attenzione poi al dopo “presaingiro” G8, quando si spegneranno i riflettori!Forza e auguri.
    Paolo Perotti e Gabriella Nadalin

  • luk said:

    insomma, volete CASE piu’ belle, piu’ diversificate, piu’ adatte all’ambiente, meglio distribuite, con pavimenti di cotto e tegole fatte come una volta, e prima di queste dei container di ultima generazione. Bellissimo, anche io lo vorrei. Il costo lo pagate voi?

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.