Home » Archivio

"racconti"

taccuino »

[7 Jul 2009 | One Comment | 4,215 Views]
A chi esita

di Massimiliano Laurenzi (massimiliano.laurenzi [at] tin.it), foto di Luca Lamanna
Un paio di settimane fa ho avuto la fortuna di incontrare un attore di teatro particolarmente famoso. L’occasione era abbastanza importante, e l’attore in questione ha tenuto una lettura davvero toccante. Ha scelto di leggere “A chi esita”, una poesia di Bertold Brecht. Pur scritta circa settant’anni fa, sembra dedicata a noi aquilani, composta in questi giorni bui.
Sembra incredibile, ma è solo da leggere.

Headline, taccuino »

[9 Jun 2009 | 3 Comments | 1,423 Views]
Guerra di Televisione e di Secessione

di Massimiliano Laurenzi (massimiliano.laurenzi [at] tin.it), foto di Luca Lamanna
È comprensibile, dopo il recente evento che ha sconvolto le nostre tranquille vite, che ci siano fraintendimenti. È comprensibile, dopo la paura, il dolore e lo scoramento, che alcune persone abbiano dubbi, cerchino conforto e sicurezza.
È comprensibile la ricerca delle certezze.
Però non cercate queste certezze nella televisione.
Mi spiego.
La scena: riunione di condominio.
La protagonista: signora intorno la cinquantina.
Il fatto: dopo le perizie della Protezione Civile, permaneva il dubbio sulla categoria dello stabile. Le ipotesi erano “A” o “B”.
La richiesta: “scusate cari condomini, …

taccuino »

[29 May 2009 | 4 Comments | 1,590 Views]
Niente di nuovo sotto la terra

di Massimiliano Laurenzi (massimiliano.laurenzi [at] tin.it), foto di Antonio Di Cecco
Vorrei inaugurare questo taccuino invitando tutti i lettori a non scoprire l’America.
Mi spiego.
Il 12 ottobre del 1492, un tale di nome Cristoforo Colombo, o Cristobal Colon, piglia in prestito tre barchette e va a fare una gita fuoribordo.
Molto fuoribordo.
Dopo una quarantina di giorni (o cinquanta… comunque ci siamo capiti), arriva in un’isoletta paradisiaca, prossima al Golfo del Messico. Ma il danno è già fatto: scopre l’America.
Ora noi stiamo qui tutti a celebrare questo impavido navigante, tranne quei milioni di autoctoni …